mercoledì 27 aprile 2011

perchè ferme non ci sappiamo stare

Malta. Albergo bello, ma connessione lenta. Mi sembra di essere l'altra sorella quando stava in Burkina. Cmq abbiamo mantenuto almeno metà dalla promessa: sotto lo stesso tetto ci siamo state poco, in compenso siamo sotto lo stesso cielo...(bello quando mi sento poetica:) ). L'altra metà dalla promessa, ovvero che tornavo a Londra, era una finta. Da un giorno all'altro mi sono ritrovata a Malta, e domani mi sbatteranno su un set fino alle 3 di notte... ma chi ci ammazza a noi????? Foto non ne ho, mi rifarò nel fine settimana, ma... per tutti coloro che non ci sono mai stati, è un consiglio spassionato, visitate quest'isola perchè lo merita. La prima cosa che salta all'occhio è l'architettura. Lo so che detta così senza postare nemmeno una foto non ha molto senso, ma è bellissima. Una via di mezzo tra architettura Graca, Siciliana ed Araba, file di terrazzi interminabili, palme che sembra di essere a Los Angeles e panna. Il colore dell'isola. Qua e là ci sono alcune case a cui hanno pitturato delle aree rosse.... che senso abbia non ne ho proprio idea. E anche i maltesi sono persone da scoprire. Per fotuna gli autisti sono tutti del luogo, quindi mi capiterà spesso di chiaccherare con loro. La cosa eccezionale è che già in 3 mi hanno detto che fino al mille erano sotto il dominio Arabo. Mi sembrano molto più orgoglio di quello che di quello inglese... Inoltre, lo so che è normale, ma è incredibile come, uno stato così piccolo, abbia mantenuto la sua lingua originaria. Voglio dire, fino a 50 anni fa erano sotto il dominio inglese, ed io, da brava ignorante, pensavo che la loro lingua ufficiale fosse l'inglese. E invece no, è il maltese. Tanto di cappello. Questo ci chiama orgolio nazionale! a vederli così mi par di capire che vivono la vita a modo loro, con la calma necessaria e con la cocciutaggine di veri isolani. Mi piacciono. magari mi faranno diventare matta, perchè a quanto ho capito non corrono come facciamo noi, ma come contraddirli sul loro modo di vivere la vita?
Staremo a vedere le sorprese che quest'isola affascinante ci porterà!