mercoledì 7 settembre 2011

AAA CERCO LAVORO

Rieccomi disoccupata e alla ricerca di un lavoro. Nessuna tragedia, era un impiego stagionale e lo sapevo quando ho iniziato che a settembre avrei finito. Ma essere disoccupata è una condizione che odio, e non solo per l'aspetto economico, che comunque incide notevolmente. E' che detesto non avere niente, o comunque poco, da fare, perchè non riesco a godermelo questo niente o comunque poco da fare, mi fa sentire terribilmente in colpa, quindi mi sveglio ugualmente presto la mattina per ciondolare tutto il giorno alla ricerca di qualcosa che dia un senso alla giornata. Che poi non è che non abbia proprio niente da fare, devo cercarmi un lavoro. Ed è una faccenda seria: curriculum in tre lingue, lettere di presentazione, ricerche e attese... 
Il fatto è che dopo tre anni di dottorato e un anno inutilmente perso alla ricerca di borse post-doc ho deciso di optare per un piano B. Bella l'idea del piano B, l'idea della flessibilità, niente è per sempre e la tua vita può cambiare da un momento all'altro, quindi tieni sempre pronto un piano B. Inventati una nuova vita, nuovi interessi, nuovi sogni e nuovi traguardi. E ho scoperto che mi piace davvero, perchè le cose da fare in una vita sono infinite ed è quasi un peccato doverne scegliere una sola. Oddio, parliamoci chiaro, se il piano A avesse funzionato non è che mi sarei lamentata, ma così non fu e mi adattai.
E questa idea della flessibilità mi è piaciuta al punto che sto quasi pensando ad un piano C...


Nel frattempo preparo la partenza per Barcellona. Lo so che ho poco da andare in vacanza, ma per anni ho aspettato il momento migliore per andare in posti o fare cose e sono rimasta ferma ad aspettare al palo, quindi la mia nuova filosofia di vita è fare e non aspettare. Dicevo, intanto preparo: leggo guide e romanzi, preparo percorsi in giro per la città e cerco indirizzi di ristoranti. Mi aspettano 5 giorni di camminate e mangiate infinite!!