martedì 22 febbraio 2011

SOTTO UN CIELO PIENO DI STELLE


Da quando sono rimasta sola le sere a Ouaga sono interminabili. Dopo il tramonto mi hanno sconsigliato di uscire, il quartiere dove sono fino a poco fa era abbastanza malfamato, ora si sta trasformando in un quartiere residenziale, ma è sempre meglio per una ragazza non girare da sola di notte. Quindi, partiti tutti rimaniamo io, il custode (mai vista una persona avere un sonno più pesante, si addormenta ovunque, in qualunque posizione e non si muove fino al mattino), e uno dei miei angeli custodi. A turno infatti uno dei tre ragazzi che lavorano qua di giorno si ferma a dormire nel caso arrivassero ospiti inaspettati o ci fossero problemi. A volte invitano degli amici per fare quattro chiacchiere (in moré), a volte escono a farsi una birra o vanno a trovare la ragazza, a volte invece si fermano a chiacchierare con me. A volte ti raccontano le storie dei loro villaggi, o le loro aspirazioni, e tu gli racconti qualcosa dell'Italia, o le tue di aspirazioni. A volte ti portano nel locale dove si ritrovano sempre a bere con gli amici, una discoteca con la musica altissima, dove non si balla ma si guardano dei ballerini professionisti ballare (bravissimi), dove si deve fare molta attenzione al consumo di birra perchè non ci sono i bagni (o meglio, esserci ci sono. dietro il locale c'è una porta e si esce fuori in un cortile dove c'è una buca per terra), dove fumano tutti come ciminiere e torni a casa con la testa che ti scoppia per il rumore e il fumo. A volte alle 7 di sera va via la luce e non torna prima delle 11, e se va male te ne vai a letto alle 9, se va bene metti un paio di sedie in mezzo al parcheggio sotto le stelle e chiacchieri fino a mezzanotte con un nuovo amico. Altre volte invece te ne resti da sola, ti porti una sedia sul terrazzo (in camera fa caldo e comuque c'è il mostro), ti cospargi di Autan e leggi un libro, o prepari il lavoro per il giorno dopo, o chatti con i tuoi amici in italia.
Oppure semplicemente ti annoi. Chissà perchè ma la noia qua ha tutto un altro sapore.