Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2010

PICCOLE SODDISFAZIONI

riuscire ad entrare in un vestito cucito su misura più di 5 anni fa (un abito medievale, con stecche nel corpetto e gonna a sbuffo),  nonostante le abboffate natalizie, nonostante i chili messi su negli anni e il rifiuto a sottopormi a qualunque forma di dieta, nonostante la mia dipendenza cronica da cioccolato amaro, è sempre una gran soddisfazione. doverne uscire dopo 5 minuti di apnea con la faccia bluastra è tutto sommato un prezzo accettabile.

QUALCHE DETTAGLIO MEDICO

dal momento che questo blog nasce anche come diario del viaggio in burkina, non posso omettere i preparativi, proprio tutti i preparativi, compresi quelli meno piacevoli.
dunque, martedì e mercoledì sono andata a farmi le vaccinazioni. premetto che ho il terrore di ospedali e siringhe. già l'odore di disinfettante che si respira a 10 metri da un ospedale mi fa tremare le ginocchia (il fatto che io abbia deciso volontariamente e coscientemente di entrare in un ospedale dovrebbe essere una conferma sufficiente della motivazione che mi spinge a partire). ero accompagnata da sorella e genitrice, che con moine e/o occhiatacce dovevano impedire che io fuggissi alla vista del primo ago. ce l'ho fatta. ho seminato un paio di figurette che neanche la bambina di tre anni in sala d'attesa avrebbe fatto, ma non sono scappata.
alla fine di queste due giornate, le vaccinazioni fatte sono: febbre gialla (puntura sottocutanea nel braccio, obbligatorio per entrare in Benin, Burkina Faso, C…

PENSIERINI NATALIZI

Immagine
Nella piazza sotto casa il comune ha messo, come ogni anno, un albero di natale. Siamo in periodo di crisi e le decorazioni sono quello che sono. Per rendere l'atmosfera un pò più natalizia hanno attaccato al tronco del povero abete un amplificatore che diffonde da giorni musica varia. Qualche mente geniale ha deciso di mixare canzoni di Natale e di cartoni animati con la peggior musica tamarra da discoteca degli ultimi 10 anni. Speriamo che l'anno nuovo porti a questa persona un momento di ripensamento.
Perchè continuano a mettere i canditi nei panettoni?
La nostra famiglia non tiene in molta considerazione il Natale. Oggi per esempio passeremo la mattinata ad appendere quadri, dipingere pareti, spostare radiatori rotti e montagne di mattonelle.
Ho scoperto, con grande piacere, che i bambini giocano ancora col crystal ball, col das (che adesso è colorato) e con il pongo, non sono tutti succubi della playstation! Come l'ho scoperto? L'ho regalato per natale a mia sorella…

VENERDI' 17

Immagine
può capitare che uno (anzi, una, cioè io) parta un venerdì 17 alle 10:15 da portoferraio per andare a san miniato per una riunione sul suo imminente viaggio in burkina. può capitare che la nave ci metta due ore (invece di 1) per attraccare causa nebbia. può capitare di aspettare 40 minuti al freddo e sotto la pioggia il bus per campiglia marittima. può capitare che all'arrivo del suddetto pulman (in ritardo, dal momento che, a causa della neve caduta pochi km nell'interno, ha dovuto cambiare il proprio tragitto e affrontare una peregrinazioni in mezzo a campi innevati), dicevo all'arrivo del bus alla stazione di campiglia marittima gli ignari passeggeri potrebbero vedersi sfilare sotto il naso due treni, uno diretto verso sud, l'altro verso nord. può capitare di dover aspettare un paio di ore prima dell'arrivo del treno successivo, in una stazione che non brilla certo per i servizi ai passeggeri. può capitare di riuscire a salire su un intercity in arrivo con più d…

MARE INVERNALE

Immagine
Il golfo in un giorno di tramontana

Residenti invernali



Un comitato di benvenuto mi accoglie festosamente



Presto però si dirige verso dei nuovi venuti


Nel frattempo i giovani fanno ricreazione


Ma presto suona la campanella e si rientra nei ranghi

NUMERI

Immagine
In attesa di partire, un pò di numeri e dati vari trovati qua e là nel web*:
Religione: 50% islamica, animista e cristiana (di queste ultime le percentuali variano troppo da sito a sito per essere attendibili).
Lingue: quella ufficiale è il francese, ma quella parlata è la lingua More.
05/08/1960 è la data di indipendenza dalla Francia
Area totale 274.200 km2 (quella dell'Italia è di 301.340 km2) di cui 400 km2 di acqua; terra irrigata 250 km2 (dati 2003).
Popolazione: 16.241.811, in maggioranza mossi. Le altre etnie presenti nel Burkina sono i gourmantche, i bissa, i gourounsi, i fulbe, i tuareg, i kassena. Il 46.2% della popolazione è sotto i 14 anni, il 51,3% tra i 15 e i 64, il 2,5% sopra i 65. L'età media è di 16.8 anni. Densità di popolazione 57,4/km2. L'aspettativa di vita è di 53.32 anni, e ogni donna ha in media 6.21 bambini. Il tasso di disoccupazione di 77% (2004), l'80% della popolazione occupata si dedica all'agricoltura e all'allevamento (fra le co…

predonate la volgarità del post

Immagine
Leggo su fb lo "stato" di un'amica che chiedeva se è possibile calcolare il giramento di baigigi. Facendo una piccola ricerca per immagini e web su google, sono arrivata 2 risulati.

Uno di questo è la seguente immagine
il secondo risultato è la seguente domanda con le correlate risposte:

Come si misura il pisello? Basta andare in farmacia e te lo misurano li sul posto....come per la pressione!
Base maggiore x base minore x altezza diviso 2
Utilizzando il righello
Si misura col gognometro in base alla curvatura che ha con un calcolo matematico si arriva alla lunghezza
A questo proposito, ho letto su una rivista che c'è un modo scientifico per sapere la lunghezza del cosino senza misurarlo , ovvero senza toccarlo ( se la cosa ti fa impressione ) e sarebbe : misurare l'interno del piede, da sotto le dita fino all'inizio del tallone,

In millesimi A occhio

In nodi marini
E' una misura di Einstein. Fai la misurazione a spanne e poi decidi se il valore è accettabile…

MATTINA SULLO SCOGLIO

Immagine
Magari ti capita di svegliarti con un leggero mal di testa, e non avresti proprio voglia di uscire dal tepore del piumone. Poi ti decidi, affronti il pavimento gelido (perchè le pantofole durante la notte si animano e si nascondono) e ti avvii rabbrividendo verso la cucina.
Sorseggiando il caffé, ti decidi a guardare fuori dalla finestra e ti accorgi che in fondo è una bella giornata.


*la macchia nera in alto a destra è il mio dito, non l'arrivo di una navicella spaziale.

un buon inizio

Dopo una serie di giornate piuttosto deprimenti, finalmente oggi delle buone nuove!
Tutto è cominciato ieri sera, che sono rientrato dopo aver dato una mano ad un'amica (mi sono sentita utile e questo mi rende very happy), poi oggi, a parte Paolo (Fox) che mi dice in continuazione di stare un pò buonina, sarà grazie alla luna o no, non solo mi sento forte e vigorosa, ma le mie ricerche sono state più fruttuose del solito, ho ricevuto una chiamata inaspettata (e se ricordate è una delle cose che mi piacciono). Senza considerare che mi sono fatta un paio di risate per un video su un leone sfaticato ed una gazzella sfigata (a proposito, qualcuno mi dice come si fa a caricare i video qui???).

Inoltre la sorella grande ha concluso ieri la prima tappa del suo viaggio, il che speriamo sia di buon auspicio!

una lista per il buon umore

Andando avanti con questa storia delle liste ho deciso di farne una delle cose che mi piacciono.
Di base oggi mi sono svegliata con il mal di schiena, mi sono girata e rigirata nel letto pensando al ridente film che ho visto ieri sera (Blod Diamond), e da lì il cervello è partito per la tangente con una serie di pensieri e ricordi spiacevoli. Una volta alzata mi sono messa al pc nel vano tentativo di lavorare, ma poichè tutto sembra andare contro di me, ho deciso di fare una lista delle cose che mi piaccio (o almeno di alcune di esse).
In ordine sparso:
la cioccolatail pollo al curryuna birra al pub in buona compagnia /un buon bicchiere di vinoaccettare una buona proposta di lavoro(per andare sul poetico)una giornata nuvolosa che diventa bella e piena di sole (e qui ne abbiamo poche)una telefonata inaspettata (da qualcuno che sei contento di sentire)(per tornare sul poetico) il profumo della casa pulita (possibilmente da qualcun altro....:) )andare a dormire dopo una fruttuosa giornata…

LA MIA LISTA DELLA COSE COSI' COSI'

Sullo stimolo di questo blog, e perché in fondo le liste ora vanno di moda, e soprattutto perché non ho assolutamente voglia di rimettermi a studiare il Quadro Comune Europeo, ho deciso di proporre una nuova lista, la Lista delle Cose Così Così, quelle che potendo vorresti cambiare ma "forse si può cominciare domani perché in fondo non è poi così importante, e ho già tante cose da fare, a combattere contro questa cosa ci penso domani". 1.la pubblicità, che è odiosa, ma in fondo è una occasione per fare un po’ di zapping, andare in bagno, fare una telefonata, mettersi il pigiama. 2.l’attesa in stazione, che non è divertente, ma ti dà tempo di comprare quelle riviste che non compreresti mai se non avessi da aspettare, o di studiare l’orario e venire a conoscenza di paesi sconosciuti, dandoti così modo di dire “certo che conosco Vattelappesca, non è quel paese subito prima di …” 3.il frigo vuoto per due ordine di motivi: innanzi tutto perché è una occasione per far finta, almeno …

la dura realtà della vita è che siamo 'misere vie di mezzo'

Dopo un breve scambio di opioni (concordanti) via mail con la sorella (quella grande), ho deciso di scrivere qui la perla di saggezza che ne è venuta fuori.
Misere vie di mezzo. è questo che siamo, (io e la sorella di sicuro,anche se penso che altri possano riconoscersi nella categoria).
Perchè ci sentiamo 'misere vie di mezzo'?ora lo spiego: vi è mai capitato di trovarvi inadeguati rispetto alla situazione che vi si pone davanti? magari non riuscite a trovare la soluzione di un problema perchè invece di fermarvi sulla superficie scavate scavate alla ricerca del tranello pensado che altrimenti sarebbe troppo semplice?o viceversa?a me capita spesso di sentirmi troppo sveglia o troppo dormiente rispetto alle situazione. ( e sono stata gentile, perchè con tutta onestà dovrei dire: troppo inteligente o troppo scema).
e questo perchè? perchè non sono certo un genio, e tanto meno sono scema (anche se alcuni potrebbero trovare opinabile quest'ultima affermazione).
la sorella si r…

ESAME IN VISTA

Immagine
Il silenzio degli ultimi giorni è dovuto non alla mancanza di pensieri profondi da spargere nell’etere, bensì alla preparazione dell’esame DITALS. Per superare il suddetto esame, che fornisce una sorta di certificato di insegnante di italiano per stranieri, mi sono dovuta sorbire 2 settimane di corso intensivo, 130 ore di tirocinio, e soprattutto un esame della durata di ore 6 (circa). Per superare detto esame è richiesta la lettura di numero 10 libri (dalle 200 alle 300 pagine ciascuno). Ora, nessun problema, non me lo ha ordinato il medico, e francamente se sono riuscita a superare l’esame di glottologia (quello con il prof. Lazzeroni, ma chi non l’ha fatto non può capire cosa intendo) non sarà certo questo a spaventarmi. Oltretutto è la prima volta che studio su delle dispense (nella facoltà di Lettere Antiche ante-riforma le dispense non esistevano, talvolta esistevano dei malloppi di fotocopie di vari articoli, capitoli di libri, estratti, che qualche caritatevole studente aveva …

beata giovinezza

Ehhhhhh sì, ci stavo pensando oggi mentre ero sotto la doccia -sono una grande pensatrice sotto la doccia, non chiedetemi come mai ma è come se in quei pochi minuti l'acqua che mi scivola sulla testa diradasse quella nebbia che avvolge costantemente la mia materia grigia....colta la battuta????....vabbè, non importa ad ogni modo- ma quanto era bello quando eravamo giovani ed innocenti e del mondo sapevamo poco e punto? Personalmente adoro aver raggiunto l'età della ragione (almeno credo di averla raggiunta ohimè), perchè in un certo senso è bello avere le idee più o meno chiare su quello che ti circonda, dare il giusto valore alle cose ed agli accadimenti della vita, ma d'altro canto, quando questa coscienza ancora non ci aveva raggiunto e ci disperavamo per un brutto voto a scuola, o meglio ancora quando soffrivamo terribilmente perchè il compagno più carino della classe non ci aveva salutato entrando in aula? il bello è che soffrivamo davvero! Non era finzione, era dolor…